Francesco PETRARCA (1304-1374)
Pace non trovo… (Canz., 134)
Lyon, Jean de Tournes, 1545.

Pace non trouo, e non hò da far guerra,
E temo, e spero, & ardo, e son vn ghiaccio,
E volo sopra’l Cielo, e giaccio in terra,
E nulla stringo, e tutto’l mondo abbraccio.

Tal m’hà in pregion, che non m’apre, ne serra,
Ne per suo mi ritien, ne scioglie il laccio,
E non m’ancide Amor, e non mi sferra,
Ne mi vuol viuo, ne me trahe d’impaccio.

Veggio senz’occhi, e non hò lingua, e grido,
E bramo di perir, e chieggio aita,
Et hò in odio me stesso, & amo altrui:

Pascomi di dolor, piangendo rido:
Egualmente mi spiace morte, e vita.
In questo stato son Donna per vui.

 
 
 

Pace non trouo, e non hò da far guerra,
E temo, e spero, & ardo, e son vn ghiaccio,
E volo sopra’l Cielo, e giaccio in terra,
E nulla stringo, e tutto’l mondo abbraccio.

Tal m’hà in pregion, che non m’apre, ne serra,
Ne per suo mi ritien, ne scioglie il laccio,
E non m’ancide Amor, e non mi sferra,
Ne mi vuol viuo, ne me trahe d’impaccio.

Veggio senz’occhi, e non hò lingua, e grido,
E bramo di perir, e chieggio aita,
Et hò in odio me stesso, & amo altrui:

Pascomi di dolor, piangendo rido:
Egualmente mi spiace morte, e vita.
In questo stato son Donna per vui.

 

Texte de l’édition de Giolito (1550) en ligne le 11/12/04,
remplacé par celui de l’édition de Jean de Tournes (1545) le 11/11/17.
Dernière révision le 17/01/18.