Francesco PETRARCA (1304-1374)
Or che ’l ciel… (Canz., 164)
Lyon, Jean de Tournes, 1545.

Hor, che’l Ciel, e la terra, e’l vento tace,
E le fiere, e gli Augelli il sonno affrena,
Notte’l carro stellato in giro mena,
E nel suo letto il Mar senz’onda giace,

Vegghio, penso, ardo, piango, e chi mi sface,
Sempre m’è innanzi per mia dolce pena:
Guerra è’l mio stato d’ira, e di duol piena,
E sol di lei pensando, hò qualche pace.

Così sol d’vna chiara fonte viua
Muoue’l dolce, e l’amaro, ond’io mi pasco:
Vna man sola mi risana, e punge:

E perche’l mio martir non giunga a riua,
Mille volte il di moro, e mille nasco,
Tanto da la salute mia son lunge.

 
 
 

Hor, che’l Ciel, e la terra, e’l vento tace,
E le fiere, e gli Augelli il sonno affrena,
Notte’l carro stellato in giro mena,
E nel suo letto il Mar senz’onda giace,

Vegghio, penso, ardo, piango, e chi mi sface,
Sempre m’è innanzi per mia dolce pena:
Guerra è’l mio stato d’ira, e di duol piena,
E sol di lei pensando, hò qualche pace.

Così sol d’vna chiara fonte viua
Muoue’l dolce, e l’amaro, ond’io mi pasco:
Vna man sola mi risana, e punge:

E perche’l mio martir non giunga a riua,
Mille volte il di moro, e mille nasco,
Tanto da la salute mia son lunge.

 

En ligne le 27/10/12.
Dernière révision le 03/04/16.